Il condominio

Due o tre settimane fa la timeline di Facebook mi propone la foto pubblicata da un amico: si vedono solo due libri. Uno è “Và, metti una sentinella” di Harper Lee che ho già ma non ho ancora letto, l’altro invece è “Il condominio” di J.G. Ballard e non ne so niente. La sinossi mi incuriosisce e dopo qualche giorno lo compro.
Il condominio del titolo è un grattacielo avveniristico di quaranta piani, mille appartamenti, alle porte di Londra progettato per essere quasi una piccola città a sè stante; in alcuni piani, o parti di essi, vi si trovano supermercati, piscine, scuole, parrucchieri o palestre. In verità l’esperimento sociale fallisce e si vengono a formare delle vere e proprie faide interne che portano al degrado completo dell’edificio, oltre che a quello igienico e morale, ed al risveglio dei primordiali istinti animali dei professionisti che vi abitano.
Mentre leggo il libro l’associazione con il Corviale è immediata.
Il Corviale è un famoso edificio costruito negli anni ’70 alle porte di Roma chiamato “Er Serpentone” per la sua lunghezza: un chilometro di cemento che si snoda nel verde, una sorta di grattacielo orizzontale con 1200 appartamenti suddivisi in 9 piani. Originariamente il quarto piano avrebbe dovuto ospitare dei negozi e dare una sorta di autonomia mentre negli anni è stato occupato abusivamente e vi sono state ricavate altre abitazioni. La costruzione, nonostante le buone intenzioni dei progettisti, non ha avuto una buona riuscita e, come per il condominio nel libro di Ballard, tutto è avvolto nel degrado: vetri rotti, campanelli divelti, scritte sui muri, sporcizia, auto che non si capisce se sono abbandonate o se qualcuno le utilizza ancora.
Al Corviale ci hanno vissuto Vincenzo Salemme ed Elio Germano e ci sono stati girati dei film tra cui “Sfrattato cerca casa equo canone” con Pippo Franco ed un altro, meno famoso ma più drammatico, “Et in terra pax”.
Decido di vedere quest’ultimo. Mentre il DVD scorre salto quasi sul divano su cui sono seduta, mi avvicino allo schermo, metto in Pausa e torno indietro, di nuovo Play. Conosco uno degli attori, ma lo riconosco prima dalla voce che dall’aspetto. Questo però succedeva più di un anno fa.
L’uomo che ha pubblicato la foto del libro “Il condominio” è, fra le altre cose, fotografo ed attore ed è lui che recita in “Et in terra pax”.
Ed è sempre lui che mi ha suggerito il nome per questo blog.
Un altro cerchio si chiude.

(tutte le foto sono personali)

20160206_124027.jpg
Il Corviale
12642596_10153342588001845_8419537205965044310_n
Hic sunt leones
12670181_10153342578856845_6842755700994213399_n
Uno dei corridoi. Le strisce colorate servono per orientarsi e capire in quale blocco ci si trovi

20170711_145140.jpg

Annunci

10 thoughts on “Il condominio

  1. Tu stai a bazzica’ un bel po’ dalle parti mia, ultimamente… 😉
    Ho zii e cugini a ‘no sputo da lì.
    Quei terreni li ricordo quando ci si andava a fare la cicoria.
    Ho una foto di me in carrozzina, sullo sfondo la 650 blu che sarebbe stata, da lì a poco, rimpiazzata dall’850 celeste.

    Dopo l’avvento di guerre stellari, passando di lì lo immaginavo come un incrociatore imperiale abbattuto, oppure tipo una morte nera squadrata.
    Non so più quanti missili a ioni e colpi di laser gli ho sparato contro.
    Ma niente, è sempre lì.

    Liked by 2 people

  2. A Bologna c’è qualcosa di simile al quartiere Pilastro, nato circa 50 anni fa: una lunga costruzione di circa un chilometro detta “Il Virgolone” perché ha un andamento curvilineo. Attualmente ci stanno circa 4000 persone ma ne ha contenute anche il doppio. Periferia a lungo depressa, che gode tuttora di una cattiva fama ma dove nascono un sacco di iniziative e attività.
    Quando una ventina d’anni fa lessi Il condominio mi piacque assai… e mi fece un po’ paura !!

    Liked by 2 people

  3. Il romanzo mi è piaciuto e mi ha spaventato allo stesso tempo (ora devo recuperare anche altri titoli di Ballard). Bello questo pezzo: immaginavo ci fossero realtà assimilabili al grattacielo anche in Italia e volevo proprio scoprire dove si trovassero 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...