Decidi tu l’itinerario (2° parte) – Il MAAM

Qualche mese fa, in non so più quale mio post, uno dei follower commentò quello che avevo scritto con una canzone.
Il video mi piacque così tanto che cercai il luogo in cui era stato girato. Era il MAAM -Museo dell’Altro e dell’Altrove, sulla Prenestina.
Credevo di andar lì a visitare una qualunque fabbrica abbandonata con qualche parete dipinta ed invece mi si è aperto un vero e proprio mondo. Varchi il cancello del MAAM, paghi 5 euro e ti senti davvero catapultato altrove.
L’immensa struttura è l’ex Salumificio Fiorucci (adesso trasferitosi a Pomezia) ed acquistato dal costruttore Salini per ricavarci degli appartamenti. Lo stabile è stato occupato e adesso vi coabitano 7 differenti etnie (rom, italiani, africani, sudamericani…) la cui convivenza pacifica si basa su equilibri alchemici.
La nostra guida improvvisata ci fa visitare il piano superiore della struttura all’ingresso, dove è stata ricavata una scuola per i bambini del complesso, ci racconta del film che è stato girato là dentro e ci spiega come visitare il MAAM che contiene, sparse dappertutto, 500 opere di artisti più o meno conosciuti e che hanno contribuito a titolo gratuito.
Prima di salutarci, proprio un attimo prima di scendere le scale aggiunge che anche Pistoletto ha dato il proprio contributo lasciando lì esposta per qualche mese una sua opera.
L’opera era: La Venere degli Stracci.
Il cerchio si chiude.

Il video che ha dato avvio a tutto 

(tutte le foto sono personali)

20170617_114056
Il muro esterno, sulla Prenestina
20170617_125547
Il cancello d’ingresso e la cassa
20170617_114422
La struttura all’ingresso. Al primo piano c’è la scuola per i bambini che abitano là dentro.
20170617_114402
La targa ghigliottina di Davide Dormino

20170617_11473520170617_11481220170617_114837

20170617_114908
I teschi di Pablo Echaurren

20170617_114854

20170617_114933
Mauro Cuppone – Le pendu
20170617_114948
.
20170617_115828
I banchi della scuola
20170617_120006
La scuola. In origine c’erano gli uffici amministrativi del Salumificio Fiorucci
20170617_120040
La scuola
20170617_115848
La scuola
20170617_115755
La biblioteca della scuola
20170617_122042
Cortile interno con i ganci dove venivano appeso gli animali
20170617_124245
Particolare del cortile interno

20170617_12210020170617_12215020170617_122345

20170617_122403

20170617_122802
I tavoli dell’ampio bar dove si può pranzare. In una cucina vista si alternano ai ornelli i vari residenti

20170617_122941

20170617_123025

20170617_123132

20170617_12320620170617_123233

20170617_124029

20170617_124106
Mario Marra – Acqua benedetta (stencil)
20170617_124139
Il video musicale inizia proprio qui…
20170617_124121.jpg
… e prosegue qui… (0:28)
20170617_124200
…. e poi ancora qui (0:40) …
20170617_122545
…. e qui (1:58) …
20170617_124348
…e qui (3:32) … [Il Paese dei Balocchi – Danilo Bucchi]
20170617_124413
Il Paese dei Balocchi – Danilo Bucchi (uno dei miei preferiti a Tor Marancia, (La Piccola Shangai)
20170617_124526
JA-DEER – Mr.Klevra (anche lui tra gli street artist di Tor Marancia)

20170617_124625

20170617_123801
Roxy – Find-us! (modella fotografata per caso)
20170617_123706
Piazza Perù nella zona in cui abitano i sudamericani

20170617_125453

20170617_125208

20170617_124834
Le scale che portano ai vari appartamenti
20170617_125405
Le scale che portano ai vari appartament
20170617_124929
Ballatoio

“Susà, ma l’hai visto dove è il terzo luogo da visitare????” chiede l’ing mentre guarda il cellulare.
“Sì, a Piazzale Clodio più o meno”
“Maddechè! E’ sulla Trionfale, quasi al Raccordo!”
“Eh….”

Annunci

31 thoughts on “Decidi tu l’itinerario (2° parte) – Il MAAM

  1. Un posto magico, fuori dal tempo e dallo spazio. Da vedere e rivedere, da sentire prima ancora che da capire. Mai respirata così tanta umanità. Esci da lì e ti viene voglia di essere una persona migliore.

    Liked by 1 persona

  2. Io comunque prenderei uno qualunque di questi artisti, oppure tutti assieme, li sbatterei di fronte a un Fontana o un Mirò qualsiasi e a quest’ultimi direi “annatevela a pijà ‘nder posto”.
    Ecco.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...